Obbligazioni: guida al trading in CFD

Perché investire in obbligazioni attraverso il trading dei CFD? Perché scegliere proprio questo strumento per investire in titoli di stato e obbligazioni corporate?

La guida di oggi che i nostri specialisti hanno preparato per te ti accompagnerà in un mondo molto interessante per i risparmiatori ecandi e piccoli, e ti fornirà tutti gli strumenti di cui hai bisogno per scegliere in autonomia se sono appunto i CFD quello di cui hai bisogno per operare nel mercato obbligazionario.

Vediamo insieme tutto quello che c’è da sapere, indagando su ogni aspetto di questa straordinaria opportunità che ci viene offerta dai mercati.

Che cosa sono le obbligazioni?

Prima di entrare nel vivo della questione, meglio fare un piccolo ripasso sulle obbligazioni, strumenti di risparmio e di investimento sono un po’ la base del portafoglio per il grosso delle famiglie e dei singoli con una bassa propensione di rischio.

Le obbligazioni altro non sono che debito emesso da uno Stato o da un’azienda: tramite l’acquisto di una obbligazione andiamo ad offrire denaro a chi ha emesso il titolo, ricevendo in cambio degli interessi e la restituzione dell’intero capitale alla scadenza del rapporto.

Ci sono degli elementi importanti per valutare la qualità e la consistenza di una obbligazione:

  • Durata: ci sono obbligazioni di durata molto diverse, dai 6 mesi ai 50 anni; più la durata è lunga, più il titolo diventa rischioso, anche se emesso da un’autorità piuttosto affidabile;
  • Interesse: ogni obbligazione riconosce un certo dato di interesse; anche in questo caso siamo di fronte ad una connessione intima con il rischio insito nel titolo stesso; più è alto il tasso di interesse, più è rischioso il titolo;
  • Rating: è un indice sintetico di rischio, che viene comunicato da diverse agenzie indipendenti. Il rating è un indice relativamente affidabile della rischiosità di un determinato titolo.

Analizzando questi tre fattori possiamo andare a scegliere obbligazioni che siano congrue con quanto vogliamo rischiare. Rimane la regola fissa: più si rischia, più si guadagna.

Le differenze tra obbligazioni corporate e obbligazioni statali

La grande differenza del settore è tra le obbligazioni corporate e le obbligazioni che invece emesse dagli stati:

  • Obbligazioni statali: sono emesse dagli stati, entità che in genere sono più affidabili dei soggetti privati e che tendono, molto raramente, a fallire; bisognerebbe ricordarsi però sempre di casi come quello argentino o quello venezuelano, nonché di quello greco;
  • Obbligazioni corporate: sono emesse dalle aziende, enti privati che si approvvigionano di capitali sul mercato utilizzando questo titolo; ad ogni modo, non diventeremo azionisti, ma semplicemente creditori dell’azienda che ha emesso il titolo

Le seconde hanno in genere dei rendimenti più alti e ci permettono di andare ad operare con profitti maggiori giustificati da rischi mediamente più alti.

Puoi comporre, grazie ai CFD, portafogli in obbligazioni che includano entrambe le soluzioni, come avremo modo di vedere più avanti.

Le obbligazioni più rischiose: il territorio per chi vuole guadagnare di più

Siamo abituati ad associare alle obbligazioni profili di rischio decisamente bassi, cosa che però non è sempre vera, senza andare a scomodare i corporate bond. Siamo di fronte ad una tipologia di titolo che ha in passato, talvolta, riservato bruttissime sorprese a chi vi aveva investito, anche quando l’emittente era, almeno all’apparenza, più che affidabile.

trading obbligazioni

I vecchi bond greci in Dracma – sicuramente più affidabili di quelli moderni

Non possiamo che ricordare le obbligazioni greche, un tempo affidabili tanto quelle italiane e poi diventate in pochi mesi (complici anche bilanci non solo non in ordine, ma spesso pieni di bugie) carta straccia. Oggi sono ancora sul mercato, con tassi di interesse altissimi e dunque adatte soltanto a chi vuole rischiare tanto per cercare di guadagnare tanto.

Anche le obbligazioni venezuelane hanno seguito lo stesso percorso: il paese è in fortissima crisi dal crollo dei prezzi del petrolio e molti di questi titoli non sono stati rimborsati.

E come non ricordare il caso delle obbligazioni argentine?

Questo per ricordare che chi vuole investire in obbligazioni con profili di rischio più importanti e dunque con interessi più alti deve farsi carico del rischio, anche nel caso delle obbligazioni, del rischio di perdita di capitale.

Vale la pena di ricordare in questo frangente che con i CFD puoi guadagnare anche con le obbligazioni al ribasso, ovvero quando queste sono in caduta libera e tutti cercano di liberarsene sul mercato, grazie alla vendita allo scoperto. Se hai fiutato la crisi prossima di un paese o di un’azienda, i CFD sono l’unico strumento che ti permette di guadagnare sulla tua previsione.

Perché i CFD?

I CFD, o contratti per differenza, sono il meglio che il mercato può oggi offrire per investire in obbligazioni, come avremo modo di vedere in dettaglio nel corso della nostra guida.

I CFD infatti permettono di investire in obbligazioni al margine, ovvero comprendo soltanto quelle che sono le variazioni di prezzo. Se sei già esperto di finanza, avrai già capito le implicazioni di quanto abbiamo appena affermato, in caso contrario andremo a spiegarlo tra pochissimo.

Investendo al margine potrai:

  • Eseguire gli ordini in modo efficace ed immediato
  • Andare a investire somme più alte di quelle che hai effettivamente a disposizione
  • Moltiplicare gli andamenti positivi e negativi del titolo

Inoltre le piattaforme che utilizzano i CFD, ti permettono di costruire portafogli molto differenziati, includendo non solo obbligazioni, ma anche azioni, valute, criptovalute, indici e fondi.

I CFD inoltre ti garantiscono:

  • Commissioni basse
  • Enormi possibilità di accesso a livello di mercati: potrai raggiungere obbligazioni e altri titoli negoziati su piazze lontane e tradizionalmente non offerte dalle banche

Siamo di fronte ad una situazione assolutamente favorevole per chi vuole investire con profitto nelle obbligazioni.

Per approfondire il concetto, visita: CFD: guida ai contratti per differenza

Conviene investire in obbligazioni?

Le obbligazioni sono la struttura portante di un portafoglio che sia adeguatamente organizzato per essere differenziato e soprattutto per massimizzare i guadagni e minimizzare le perdite.

Le obbligazioni hanno finanziato imprese economiche da sempre – comprese quelle coloniali in America

Investire oggi in obbligazioni, di fronte ad uno scenario non esattamente ideale, non è facile, ed è proprio questo che avrai bisogno di strumenti adeguati come i CFD per investire al meglio. Ricordati che:

  • I rendimenti delle obbligazioni statali di qualità sono ai minimi storici, in quanto sono diventate titolo rifugio per chi vuole rischiare poco, anzi pochissimo;
  • I rendimenti delle azioni corporate sicure hanno seguito, almeno grosso modo, lo stesso trend.

Questo vuol dire che dovremo operare necessariamente con un portafoglio differenziato che ci permetta di andare ad operare selezionando alcune obbligazioni di base che ci permetteranno di avere un profilo di rischio adeguato, andando poi ad integrarle con quelle che sono le obbligazioni più strutturate e più rischiose per guadagnare dai mercati in espansione.

Investire in obbligazioni strutturate: perché e come farlo

Anche le obbligazioni strutturate offrono buone prospettive di investimento e, essendo combinate con altri strumenti, offrono anche in genere possibilità di rendimenti più interessanti.

Le obbligazioni strutturate sono infatti dei titoli di credito obbligazionario, ai quali viene incorporato nello stesso contratto un derivato con sottostanti di qualunque tipo.

Conviene investire in obbligazioni strutturate? Sono titoli che presentano diversi problemi, come:

  • La presenza di una parte consistente del rapporto stipulata sullo strumento obbligazionario, e quindi impedita nella crescita nel caso in cui si dovesse appunto scegliere un prodotto sicuro;
  • La presenza di una componente in derivati che avrebbe il compito di rendere l’obbligazione più performante, il che non è sempre vero;
  • La combinazione di due strumenti molto diversi tra loro, che difficilmente possono essere entrambi validi per lo stesso profilo di investimento;
  • Costi molto alti di gestione e della parte in derivati del contratto.

L’investitore che vuole muoversi come un pro, può scegliere di abbinare da solo, nel suo portafoglio, una componente in obbligazioni da una componente in derivati, per rendere il proprio portafoglio più dinamico.

Anche in questo caso i CFD possono essere un’ottima opzione per chi vuole muoversi in questo senso: offrono sia obbligazioni sia strumenti, se volessimo, più rischiosi, per un portafoglio più dinamico e complesso.

Come scegliere un buon broker CFD per investire in obbligazioni?

I nostri esperti hanno analizzato l’offerta di tutti i principali broker di CFD che offrono anche obbligazioni, individuando i migliori seguendo queste caratteristiche:

  • Presenza in anni sul mercato: i broker che hanno trascorsi più lunghi possono ovviamente offrire garanzie maggiori, in quanto abbiamo anche uno storico con il quale confrontare l’affidabilità del broker stesso;
  • Offerta di obbligazioni: inutile scegliere un broker CFD che non offra un decente parco di obbligazioni tra le quali scegliere;
  • Commissioni: devono essere basse, altrimenti si finisce per perdere tutto quello che si è guadagnato in spese per la gestione del conto;
  • Leva finanziaria: è uno strumento fondamentale, come avremo modo di vedere più avanti, per investire in obbligazioni con profitto e per differenziare il portafoglio senza avere grossi capitali a disposizione;
  • Vendita allo scoperto: ovvero la possibilità di puntare sul ribasso del valore di una certa obbligazione, prendendole a prestito e guadagnando anche dai trend negativi.

Di seguito ti presenteremo i broker che i nostri specialisti hanno individuato come più affidabili per chi ha deciso di investire in obbligazioni scegliendo appunto tra i CFD.

eToro per investire in obbligazioni tramite CFD

La prima piattaforma che i nostri esperti consigliano è eToro, uno dei broker CFD più conosciuti sul mercato e uno di quelli che offre la più grande varietà di obbligazioni, statali e non.

Scegliendo eToro come broker CFD avrai la possibilità di investire su:

  • ETF a gestione automatica che seguono l’andamento delle migliori obbligazioni corporate e non;
  • Investire nelle obbligazioni dei paesi emergenti in portafogli complessi, che includano anche la possibilità di guadagnare da quei titoli che, pur essendo a basso rischio, offrono oggi i rendimenti migliori.

>>> Clicca quì per visitare il sito ufficiale di eToro !

Con eToro puoi anche scegliere di investire copiando le strategie dei migliori, ovvero copiando con un click gli investimenti dei trader più performanti sulla piattaforma.

eToro è inoltre dotata di tutte le autorizzazioni per operare con in Unione Europea senza alcun tipo rischio per chi vi investe i propri capitali.

>>> CLICCA QUI’ PER APRIRE UN CONTO DEMO GRATIS SU ETORO – INVESTI IN OBBLIGAZIONI!

Trade.com

Trade.com è la seconda piattaforma che consigliamo a chi vuole investire in Bonds (questo è il nome anglosassone delle obbligazioni), utilizzando i CFD.

All’interno di Trade.com potrai trovare diversi titoli sui quali investire, dai titoli a 10 anni tedeschi a quelli emessi dal Regno Unito, passando per quelli USA, Giappone. La selezione di titoli, andando ad aggiungere quanto offerto tramite ETF e fondi a gestione semi-automatica.

>>> Clicca quì per visitare il sito ufficialedi Trade.com !

Trade.com è dotata anch’essa delle autorizzazioni ad operare in Italia tramite MiFID.

>>> CLICCA QUI’ PER APRIRE UNA DEMO GRATIS SU TRADE.COM ED INVESTIRE IN OBBLIGAZIONI!

Aprire un conto demo conviene, sempre

I due broker che ti abbiamo appena presentato sono tra quelli che offrono la possibilità di testare l’investimento con un conto demo gratuito, un conto che con capitale virtuale ti permette di provare le tue strategie per il trading sulle obbligazioni, nonché la funzionalità della piattaforma senza alcun tipo di costo aggiuntivo.

Apri un conto demo ora e comincia a fare trading in obbligazioni tramite CFD sui brokers proposti in questa guida.

Considerazioni finali sul trading di obbligazioni

Conviene investire in CFD attraverso il trading online di Bonds ( obbligazioni ) ? Oppure sono strumenti del passato, che comunque non dovrebbero interessare chi fa trading online oppure vorrebbe giocare in borsa come un pro?

No, esistono all’interno di questa categoria tanti strumenti, che variano per interessi, rischio insito, tempistiche del rimborso e durata. Si può sicuramente scegliere qualcuno di questi titoli nella composizione del nostro portafoglio, equilibrandolo e inserendo uno strumento creditizio contro magari tanti investimenti di tipo più strettamente finanziario.

I CFD ti consentono di avere le mani molto più libere rispetto ai conti titoli, permettendoti anche di approfittare di momenti di profonda crisi politica o societaria dell’emittente per guadagnare allo scoperto anche da questo tipo di titoli.

Le obbligazioni sono un discreto strumento di investimento, che potrai, con gli strumenti giusti, sfruttare al meglio per la tua strategia di investimento.

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *