Materie prime: guida completa

Investire in Materie Prime (in inglese “Commodities“) è oggi qualcosa di davvero accessibile a tutti, qualcosa che anche i piccoli risparmiatori possono effettivamente prendere in considerazione.

Nella guida di oggi ci occuperemo proprio di questo, ovvero di individuare appunto quegli intermediari e broker che possono offrirti la possibilità di investire in questo tipo di asset, cercando di comprendere quali siano poi per noi i più vantaggiosi.

Non sarà un cammino facile: ci sono infatti diversi strumenti per investire in criptovalute e riteniamo che non tutti siano adeguati.

Guida al trading di commodities - Infografica a cura di ©Giocareinborsa.net
Guida completa alle materie prime – cosa sono, come funzionano e come fare trading

Un esempio che possiamo fare già durante l’introduzione sono i broker CFD, broker che ti permettono di fare trading su Petrolio, Oro e sulle altre criptovalute a condizioni molto vantaggiose.

Come fa eToro (che qui puoi testare con una demo gratis) e come fanno tanti altri broker CFD che avremo modo di presentarti nel corso della nostra guida di oggi.

Conviene investire in materie prime? Chi dovrebbe occuparsi di questo specifico mercato? Chi potrebbe avere interesse a inserire questo tipo di asset all’interno del proprio portafoglio?

Sono domande dalle risposte non banali e che dunque dovremo considerare a fondo, anche con l’aiuto del nostro staff di esperti.

Vediamo insieme cosa c’è da sapere sulle materie prime e perché (o perché no) investire su questa categoria di asset.

Prima di procedere, però subito una raccomandazione!

Se intendi fare trading di commodities, prendi in considerazione solo ed esclusivamente piattaforme regolamentate. Qui sotto ti proponiamo all’attenzione la tabella che ti mostra le migliori piattaforme consigliate per farlo.

La redazione di GiocareinBorsa.net
PIATTAFORME TRADING CONSIGLIATE PER GIOCARE IN BORSA
Please wait...
Guida eToro
PROVA GRATIS Capitale a rischio.
Please wait...
Guida Investous
PROVA GRATIS Capitale a rischio.
Please wait...
Guida Trade.com
PROVA GRATIS Capitale a rischio.
Please wait...
Guida Plus500
PROVA GRATIS Capitale a rischio.
LA PIATTAFORMA PIÙ VOTATA DI MARZO 2020
Piattaforma più votata del mese
Please wait...
Guida IQ Option
PROVA GRATIS Capitale a rischio.

Di cosa parleremo in questa guida sull’investimento in materie prime?

Ci sono diversi argomenti che dovremo necessariamente toccare nel corso della nostra guida di oggi, una guida che appunto non potrà che tenere conto delle moltissime sfaccettature che interessano appunto questa categoria di asset.

  1. Cosa sono le materie prime: siamo sicuri che tutti abbiano un’idea imprecisata di cosa si tratti, ma chi vuole investire deve pretendere qualcosina in più in termini di informazioni.

Oggi sui mercati finanziari ci sono tantissime materie prime, che spaziano da quelle industriali a quelle alimentari. Basterebbe controllare l’offerta di un broker come Plus500 (qui per la sua demo) per rendersi conto di quanto variegato è questo mondo;

  1. A chi conviene investire in materie prime: non tutti dovrebbero investire in qualunque tipo di asset. C’entrano molto la propensione al rischio e altri tipi di fattori, che dovremo necessariamente analizzare nel corso della nostra guida.

Che tipo di investitore sei? Sei sicuro che le materie prime facciano al caso tuo? Oltre a leggere il contenuto della nostra guida, potresti anche ovviamente testare con mano. Oggi broker come Investous ti offrono una demo gratis, grazie alla quale puoi maturare esperienza gratis e senza rischiare capitale.

  1. Le caratteristiche finanziarie delle materie prime: parliamo comunque di una categoria di asset molto importante e che ha caratteristiche proprie. Cosa c’è da sapere a riguardo?

Un’analisi che sarà davvero imprescindibile per chi vuole avvicinarsi a questo tipo di mercato.

  1. I canali per investire in materie prime: perché magari potresti anche decidere di comprare materie prime tramite la banca, anche se, scopriremo nel corso della nostra guida, che non è questo il canale migliore per tentare di investire in questa specifica categoria di asset;

I broker CFD come IQ Option (che ti permette di investire anche soli 10 euro) sono anni luce avanti rispetto a quello che offrono appunto le banche.

Lungo queste 4 direttive principali si svilupperà la nostra guida, che sarà la tua base di partenza per investire in questo tipo di asset, ammesso che ovviamente tu risponda all’identikit dell’investitore che può trarre giovamento da questo tipo di investimenti.

Che cosa sono le commodities/ materie prime?

Le materie prime sono – a grandi linee – dei materiali che vengono utilizzati nei processi produttivi o che, come nel caso dell’oro, hanno anche un enorme valore in quanto tali.

Le materie prime hanno un prezzo globale, perché appunto sono richieste ai quattro angoli del mondo e vengono appunto acquistate tramite contratti sempre di portata globale.

È così che è nato il mercato finanziario delle criptovalute, che ha come primo e grandissimo pregio quello di lavorare per stabilire, costantemente, il prezzo di equilibrio di beni importantissimi come il petrolio, il gas naturale, l’oro, l’argento, il palladio, il nickel e anche le materie prime alimentari.

guida al trading della materia prima preziosa per eccellenza - oro
L’oro è una delle materie prime sulle quali si investe più di frequente

Ma cosa ci interessa di tutto questo? Noi vogliamo investire e dunque dovremo avere un atteggiamento con focus specifico proprio verso questo tipo di attività.

In questo senso possiamo dire che le materie prime hanno le seguenti caratteristiche:

  • Sono scambiate moltissimo sui mercati e dunque sono molto liquide;
  • Sono molto volatili, perché appunto cambiano di prezzo molto rapidamente in tempi brevi.

Per renderti conto della particolarità delle materie prime rispetto ad esempio a quello che viene offerto da altri asset, il modo migliore che hai a disposizione è di aprire una demo con Trade.com, altro broker di grandissima qualità che ti permette di investire in materie prime anche con una demo con capitale virtuale.

Le principali materie prime scambiate sui mercati

Se volessimo occuparci a 360° di materie prime potremmo scrivere intere enciclopedie per indicare quelle che sono scambiate nelle principali borse.

In realtà questo non ci interessa, perché il nostro obiettivo di investitori è quello di scegliere soltanto quelle che possono appunto offrirci un buon livello di scambi e buone opportunità di investimento.

Parleremo di queste materie prime una per una, con un brevissimo excursus che ne sottolinei le possibilità.

Petrolio Brent e Texano, le due grandi famiglie

Partiamo da quella che è la materia prima per eccellenza, ovvero il petrolio. Sui mercati finanziari si trova in due versioni, il WTI texano, che è lo standard americano, e il Brent, che è invece lo standard Europeo (o meglio, del Mare del Nord).

il brent, dopo l'oro altra materia prima per eccellenza sulla quale investire
Il petrolio: il prezzo dipende anche dal livello di attività estrattiva

Le differenze tecniche tra i due petroli non devono interessarti, dopotutto non andrai ad acquistare petrolio per rivenderlo, ma acquisterai soltanto contratti che ti permettono di speculare.

I due prezzi sono sempre diversi e non sempre seguono gli stessi andamenti.

Ti consigliamo dunque, se vorrai seguire entrambi i petroli, di andare ad aprire una demo con eToro (qui per farlo in meno di 1 minuto e gratis) e analizzare i grafici, anche in relazione alle diverse notizie che arrivano dai mercati.

Il petrolio ha un andamento ciclico, nel senso che in genere il suo prezzo cresce al crescere del livello economico a livello mondiale.

Occhio però, il petrolio coinvolge anche molte decisioni politiche (un esempio ne è l’OPEC, che raccoglie quasi tutti i maggiori produttori) e si può lavorare parecchio sulla riduzione dell’offerta per aumentarne il prezzo.

Non si tratta sicuramente di uno degli asset più semplici da negoziare, ma questo non vuol dire che non possiamo inserirlo in un portafoglio, a patto però ovviamente di avere voglia di seguire le principali notizie che riguardano questo asset.

Gas Naturale

È la seconda materia prima energetica, sia per ordine di importanza sia per rilevanza sui mercati. Valgono un po’ in questo caso tutti gli accorgimenti che riguardano il petrolio.

Siamo davanti ad una materia prima che risente infatti in modo particolare delle decisioni politiche dei paesi che lo esportano (Russia e Iran su tutti) e dunque non è sicuramente uno di quegli asset che si muovono soltanto in virtù delle forze di mercato.

Quando parliamo di materie prime energetiche siamo sempre o quasi di fronte a situazioni particolari, che richiedono un set di skill diverso da quello richiesto per fare trading su altri tipi di asset.

Puoi anche qui rendertene conto al top con un conto di pratica di Plus500, uno dei broker ad offrire le migliori condizioni per fare trading online sulle materie prime e anche sul gas naturale.

Investire in Oro: la materia prima per eccellenza

Chiunque si avvicini alle materie prime lo fa in genere con il desiderio di fare trading su oro, il metallo prezioso per eccellenza, che continua ad essere una delle riserve di valore più importanti in tutto il mondo.

Investire in oro è una cosa seria e non va fatto acquistando gioielli oppure lingotti, modalità di investimento in oro che rasentano il demenziale e che non propongono nulla a chi investe, se non degli enormi rischi.

Perché investire in oro?

  • Perché ha un andamento anticiclico: il che vuol dire che puoi investire in oro anche per controbilanciare gli altri investimenti che hai in portafoglio. L’oro tipicamente è un asset che acquista valore quando l’economia rallenta o è in crisi;

È questo il vero motivo per il quale ha senso investire in oro. Diffida da chi ti racconta di voli pindarici e di sogni che non riuscirai mai a realizzare.

Ad oggi l’oro è il migliore asset per fare hedging, ovvero per proteggere un portafoglio che è troppo esposto verso l’economia “reale”, ovvero che è legato come rendimento all’andamento dell’economia mondiale.

Qui puoi cominciare a investire in Oro con Investous, uno dei migliori broker sulle piazze internazionali e sicuramente uno dei più interessanti per fare trading sull’oro.

Investire in metalli preziosi e industriali: il caso di argento, nickel e palladio

Nulla ti vieta di orientarti verso quelli che sono metalli meno trafficati almeno a livello finanziario, metalli come argento, palladio, nickel.

Ci sono ovviamente differenze sostanziali e ognuno andrebbe trattato come cosa a se stante, soprattutto se appunto vogliamo dedicarci una parte consistente del nostro capitale.

Quello di cui hai bisogno in questo caso è:

  • Una piattaforma di livello, che ti permetta di gestire gli ordini anche quando non sei al PC, con tecniche di trading semi-automatico;
  • Un calendario economico, come quello offerto nel kit professionale di Investous, che permette appunto di seguire tutte le notizie più importanti che riguardano anche le materie prime.

Con questo piccolo strumentario a disposizione non dovrai assolutamente temere neanche di avventurarti in territori che, lo capiamo, potrebbero sembrare decisamente più ostici.

Le materie prime alimentari: come investire

Chiudiamo la nostra rassegna di asset che appartengono al mondo della materie prime con le materie prime alimentari.

Sono quelle come cacao, grano, soia, quelle che appunto finiscono nell’industria alimentare per essere trasformate in alimenti di largo consumo.

In questo caso i fattori di cui tenere conto sono ancora diversi:

  • Popolazione che ha accesso a quel tipo di prodotto e lo desidera: ovviamente più sarà alta, più il prezzo salirà. È il caso ad esempio del cacao negli ultimi anni, e anche del caffè;
  • Raccolti: se ci sono raccolti scarsi, i prezzi salgono, e viceversa. Chi si occupa di materie prime alimentari deve necessariamente occuparsi anche di questo.

Se senti di avere le carte giuste per investire in questo tipo di mercato, passa da una demo gratuita come quella di Plus500.

Per chi sono adatte le materie prime?

Come abbiamo detto in apertura della nostra guida, non tutti dovrebbero pensare di investire in materie prime, perché come tutti gli asset, non sono assolutamente qualcosa che tutti dovrebbero tenere in considerazione.

Ogni tipo di asset, ogni tipo di investimento, ha delle caratteristiche e delle specificità che lo rendono molto adatto per una categoria di investitore e molto poco adatto per altri.

trading online sulla soia - materia prima agricola molto importante
La soia è tra le più importanti materie prime alimentari

Quali sono le caratteristiche che le materie prime hanno e che le rendono uniche nel panorama degli investimenti?

  1. Sono volatili, il che vuol dire che possono cambiare sensibilmente di prezzo anche nel giro della stessa giornata di trading;
  2. Possono offrire rendimenti molto alti anche e soprattutto in virtù del punto n.1

Chi vuole investire in materie prime dunque deve rispondere positivamente al profilo di un investitore che:

  • Ama correre rischi, perché inutile girarci intorno, i rischi ci saranno e dovrai tenerne conto;
  • Ama mettersi a caccia di buoni rendimenti, perché appunto il rischio è vissuto e affrontato proprio in funzione di questo.

Se corrispondi all’identikit che abbiamo appena tracciato, ti consigliamo di andare ad investire da subito nelle materie prime, anche se non vuoi investire subito del capitale reale.

Con un conto demo come quello di IQ Option potrai partire istantaneamente a fare trading sulle materie prime, pur senza appunto dover versare 1 euro. Avrai a disposizione tutto il capitale virtuale di cui hai bisogno per investire.

E quando ti sentirai pronto, potrai passare appunto all’investimento con capitale reale, anche soltanto con 10 euro.

Perché i CFD sono il miglior modo per investire in materie prime?

La tua banca, sentendo il tuo interesse per le materie prime, potrebbe spingere per farti investire utilizzando strumenti che però non sono assolutamente adatti a questo scopo.

Ti potrebbe infatti proporre dei fondi comuni che hanno appunto una parte del loro capitale investito in materie prime, o ancora degli ETF, oppure anche degli indici.

Purtroppo siamo davanti a degli strumenti che non possono, in alcun modo, offrire il top per chi vuole ottenere il massimo dalle materie prime.

I motivi li andremo a vedere tra pochissimo, certi di poter aiutare chi ci sta leggendo a trovare davvero la sua strada nel mondo delle materie prime.

Le banche costano davvero troppo

Le banche hanno costi esorbitanti, soprattutto quando le operazioni che stiamo andando a fare riguardano appunto degli asset che non vengono trafficati di frequente.

Si parla di investimenti che, se fatti tramite fondi comuni, costano un 2% fisso annuo, più una commissione sugli eventuali guadagni e poi altri tipi di costi per quando si vendono le quote.

Di contro i migliori broker CFD che ti permettono di investire in materie prime ti offrono davvero condizioni decisamente più ideali. Perché si parla di broker che offrono trading a zero commissioni, facendoti pagare soltanto un piccolissimo spread tra acquisto e vendita.

Puoi testare il trading a zero commissioni anche con eToro, uno dei migliori broker per chi vuole fare trading seriamente con le materie prime e anche con tanti altri tipi di asset.

Qui sotto la tabella che ti mostra quali sono i migliori broker con i quali poter fare trading di materie prime.

PIATTAFORME TRADING CONSIGLIATE PER GIOCARE IN BORSA
Please wait...
Guida eToro
PROVA GRATIS Capitale a rischio.
Please wait...
Guida Investous
PROVA GRATIS Capitale a rischio.
Please wait...
Guida Trade.com
PROVA GRATIS Capitale a rischio.
Please wait...
Guida Plus500
PROVA GRATIS Capitale a rischio.
LA PIATTAFORMA PIÙ VOTATA DI MARZO 2020
Piattaforma più votata del mese
Please wait...
Guida IQ Option
PROVA GRATIS Capitale a rischio.

Le banche non offrono il top delle materie prime (e anche degli altri mercati!)

Chi vuole investire ha bisogno di avere accesso a tutti i migliori asset, che si tratti di materie prime oppure ancora di altri mercati, come potrebbero essere quello azionario, oppure ancora quello del Forex.

Le banche soffrono di nanismo in questo senso. Perché mentre offrono decine di migliaia di fondi e di SICAV, poco gli interessa di offrire davvero quelli che sono i migliori asset in circolazione.

Con broker come Trade.com hai a disposizione più di 2.000 titoli, per investire non solo in materie prime, ma per comporre dei portafogli effettivamente diversificati, che permettono a tutti di ottenere il meglio dai mercati che sono attualmente in circolazione!

Le banche offrono piattaforme scadenti, anche per le materie prime

Investire al top in materie prime vuol dire anche avere a disposizione delle piattaforme che ti permettono di operare con gli stessi strumenti che hanno a disposizione i professionisti.

Per questo motivo dovresti stare alla larga dalle banche, che offrono purtroppo delle piattaforme antesignane, scarse in strumenti e in qualunque altro tipo di utilità, che non possono assolutamente reggere il confronto con quanto offerto ad esempio da Investous con MetaTrader, la migliore piattaforma anche secondo i professionisti per fare trading su questo tipo di asset.

Anche per quanto riguarda dunque gli strumenti del mestiere, le banche oggi sono assolutamente subalterne ai broker CFD.

Vendere allo scoperto per fare profitti con la recessione: con la banca non puoi

Ultimo fattore che ci spinge a sconsigliare ai nostri lettori la banca per fare trading in commodities è sicuramente il fatto che sulle piattaforme bancarie non è presente appunto la possibilità di vendere allo scoperto.

Si tratta di un sistema che ti permette di puntare sul ribasso del valore di una determinata materia prima, cosa molto utile davanti a mercati che sono tra i più volatili al mondo.

Se deciderai di investire tramite la banca, non potrai approfittare di questa straordinaria opportunità che è invece riservata a tutti coloro i quali investono ad esempio con Plus500 (qui per testare la vendita allo scoperto con una demo gratis).

Le materie prime: conviene investire?

Come abbiamo detto poco sopra, non esiste una risposta univoca a questa domanda, perché appunto dovrai essere tu a decidere se le materie prime possano fare o meno al caso tuo.

Ci sono decine di altre categorie di asset che potresti tenere in considerazione in alternativa. Il nostro consiglio è comunque quello di integrare l’investimento in materie prime con altri tipi di investimenti, come possono essere quelli in azioni, in criptovalute o nel Forex.

Perché appunto un portafoglio ben bilanciato è più importante dell’asset singolo sul quale abbiamo deciso di investire.

Puoi testare la formazione di un portafoglio ben bilanciato anche senza rischiare il tuo capitale.

Puoi farlo infatti con un broker come Investous che offre una buona quantità di asset e che permette a tutti di utilizzare fino a 100.000 euro di capitale virtuale in forma di conto demo!

Opinioni finali e conclusioni: le materie prime sono l’asset del presente (e anche del futuro)

A noi che ti scriviamo piacciono molto le materie prime e consigliamo a chi dovesse corrispondere all’identikit che abbiamo tracciato di utilizzarle per avere dei portafogli che vadano davvero a caccia dei profitti.

Per tutti gli altri non vogliamo raccontare storie: non esistono miracoli nel mondo del trading online ed è proprio per questo motivo che non ti vogliamo raccontare bugie.

Le materie prime possono sicuramente offrire dei buoni margini e delle buone prospettive, ma non ti renderanno milionario senza fare nulla, cosa che appunto cercando di farti credere degli intermediari senza scrupoli.

8 Commenti

  1. Il Petrolio è letteralmente andato sulle montagne russe, nel giorno in cui il Dipartimento americano all’Energia ha diffuso i numeri sulle stime.

    Rispondi
  2. Ciao!Il mio partner mi ha suggerito di investire nel caffè, ma dal momento che non ho mai esplorato mercati sconosciuti, puoi dirmi quanto rischioso potrebbe essere questo investimento e quale sarebbe il capitale giusto per iniziare?

    Rispondi
  3. Il momento giusto per entrare è una delle domande più difficili per un trader poiché le indicazioni che prende lo confondono.

    Rispondi
  4. Mi sapete dire perchè c’è una correlazione inversa tra il dollar index e l oro?

    Rispondi
  5. Scusa ma il caffè perché è così poco chiaccherato, ho notato che anche le previsioni sono scarse.

    Rispondi
    • ciao Luca, scusami ma non ho capito bene la tua domanda.

      Rispondi
  6. Salve a tutti! Qual è una delle migliori strategie per gestire il rischio quando si utilizzano le materie prime?

    Rispondi
    • Ciao Gabrielle, adotta una strategia di tipo conservativo, prendendo una buona dose di oro e palladio e, mixa con un pò di bitcoin.

      il resto sono chiacchiere.

      saluti

      Rispondi

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *